mercoledì 15 marzo 2017

Diritti a scuola: la FLC di Bari diffida l'amministrazione sul riconoscimento del servizio per il 2015/16. Al via le azioni legali

Nei giorni scorsi la FLC CGIL di Bari ha inviato una diffida al MIUR, all'Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia e all'Ambito Territoriale di Bari in merito al mancato riconoscimento del servizio prestato dal personale docente nell'anno scolastico 2015/16. Con lo stesso atto abbiamo rivendicato il riconoscimento del servizio ai fini dell'accesso alle graduatorie "24 mesi" per il personale ATA. Sul punto ricordiamo l'interrogazione parlamentare dell'on. Pannarale che, nei giorni scorsi, ha ricevuto riscontro negativo dal sottosegretario all'istruzione, Toccafondi.
La penalizzazione generata sui lavoratori pugliesi impiegati lo scorso anno su queso progetto è tanto più grave alla luce di quanto si è appreso in questi giorni, in merito al pieno riconoscimento per il servizio svolto dai lavoratori impiegati anche nel 2015/16 su un progetto analogo in Sardegna.
Siamo in attesa di riscontro alle nostre richieste,

mercoledì 1 marzo 2017

Personale ATA: nuove competenze sulle pensioni alle segreterie scolastiche. I sindacati unitariamente rigettano l'assegnazione dei nuovi oneri

Nei giorni scorsi abbiamo chiesto un incontro all'USP di Bari per discutere dei nuovi impegni richiesti dall'Ufficio Scolastico Provinciale alle istituzioni scolastiche del nostro ambito territoriale e in particolar modo al personale di segreteria in relazione ai profili previdenziali del personale scolastico.
Si tratta di incombenze che fino allo scorso anno sono state ordinariamente gestite dagli uffici dell'USP di Bari e che, oggi, per richiesta dell'INPS cambiano natura (implicheranno il superamento del modello PA04 e l'implementazione del nuovo sistema SIN 2/Passweb) e si desidera che vengano accollate alle scuole.
Abbiamo opposto il nostro netto rifiuto al passaggio di quest'ulteriore onere alle segreterie scolastiche già gravate da una fortissima riduzione di personale perpetratasi negli ultimi anni, da molestie burocratiche costanti, dal divieto assurdo di nomina dei supplenti in caso di assenza dei titolari, nonchè dal transito costante di personale proveniente da altre qualifiche e da altri comparti.
L'assenza di risorse umane ed economiche rende impossibile ricevere altri gravosi e delicati impegni che, allo stato attuale, nonostante la formazione che si potrebbe realizzare, costituirebbero soltanto uno sfregio alla dignità e alle già gravose condizioni di

domenica 5 febbraio 2017

Non (ti) premio: indagine sul bonus premiale nelle scuole baresi

Il questionario reputazionale, la scheda di autovalutazione, il DS che decide "a suo insindacabile giudizio" il grado di eccellenza di un suo docente, i risultati delle prove INVALSI, le domande delatorie ai genitori ("il docente usa il cellulare in classe?"), lo spirito di collaborazione e di iniziativa. Sono solo alcuni dei criteri elaborati dai comitati di valutazione, al termine dell'a.s. 2015/2016, per stabilire l'assegnazione del bonus premiale ai docenti "più meritevoli" della scuola.
E su questi criteri abbiamo realizzato un'indagine (126 Istituti analizzati a Bari e provincia).
Uno dei più discussi provvedimenti contenuti nella legge 107, la valutazione premiale dei docenti, vanta già un anno, il 2015/2016, in cui è stato variamente e maldestramente applicato.
Attuato solo a fine anno scolastico, vista l'incertezza nell'erogazione dei relativi fondi ministeriali e nell'avvio delle procedure di costituzione del comitato di valutazione nei singoli Istituti, il bonus premiale è stato assegnato ai docenti più meritevoli nelle scuole italiane.
Sollecitati da una prima analisi effettuata dalla FLC nazionale nell'estate 2016 e dal confronto coi lavoratori della nostra provincia in questi mesi, abbiamo compiuto un lavoro di esame dei criteri di valutazione elaborati dai singoli Istituti scolastici di Bari e provincia, enucleando alcune criticità alle quali chiediamo di porre particolare attenzione.

martedì 27 dicembre 2016

QUALI DIRITTI...A SCUOLA?

Sin dalla prima edizione (a.s. 2009-2010) ci siamo occupati del Progetto Regionale "Diritti a Scuola". La tipologia contrattuale insolita per il comparto scuola (contratto co.co.co.) ci convinse da subito dell'urgenza di conoscere e approfondire i rapporti di lavoro atipici (con il prezioso contributo del NIDIL CGIL). 
Abbiamo continuato a seguire il progetto, dalle problematiche sull'attribuzione del punteggio alle vicissitudini sulla disoccupazione, fino all'estensione ad altre iniziative collaterali (lo sportello di ascolto) a sempre nuove classi di concorso coinvolte. 
Il Progetto è stato nuovamente attivato (QUI tutta la documentazione), questa volta con una tempistica ottimale e con due importanti conquiste: ampliamento ai docenti specialisti di inglese alla primaria (che potranno anche svolgere i progetti presso le scuole d'Infanzia) e per i docenti di lingue di primo e secondo grado. 
Entro il 31 dicembre tutte le procedure di nomina devono essere completate. Domani, 28 dicembre,

mercoledì 7 dicembre 2016

Alternanza scuola-lavoro: martedì 13 dicembre seminario di formazione FLC CGIL e Proteo Bari-Bat

I problemi sollevati dalla gestione dell'obbligo dell'alternanza scuola lavoro introdotto dalla L. 107/15 sono numerosi e di enorme rilevanza. L'impressione è che le istituzioni scolastiche siano state lasciate al "fai da te": mentre il MIUR continua a stipulare accordi vuoti nei contenuti, ma molto indicativi per la qualità dei soggetti convenzionati, l'assenza di qualsiasi riferimento ministeriale credibile sui territori continua a generare tensioni e incertezze nel personale della scuola.
Anche per supplire alla latitanza ministeriale, FLC CGIL e Proteo Fare Sapere Bari e Bat hanno organizzato per martedì 13 dicembre a partire dalle ore 9.00 presso la Camera del lavoro della CGIL di Bari un seminario di formazione/aggiornamento per tutto il personale interessato. Nell'occasione interverranno Gigi Caramia e Gigi Rossi che nell'ambito della FLC CGIL nazionale seguono da tempo i percorsi di alternanza scuola lavoro. Nell'occasione interverrà anche Antonio Casarola, sociologo di Nova onlus che ha realizzato nel corso del 2015/16 una ricerca sui percorsi di alternanza di cui riferirà gli esiti.
Tutti coloro che volessero aderire possono

giovedì 1 dicembre 2016

Seminario di formazione per docenti neoimmessi in ruolo alle prese con l'anno di prova

Nei prossimi giorni i docenti assunti nel corso di quest'anno scolastico o coloro, che per vari motivi (rinvio o passaggio di ruolo), debbano affrontare quest'anno il periodo di prova, verranno avviati a formazione secondo il modello organizzativo confermato dalla nota MIUR del 4 ottobre 2016.
La nuova piattaforma INDIRE sulla quale andranno gestiti tutti gli adempimenti relativi alla formazione non in presenza si è dimostrata nell'anno scorso uno degli scogli più difficile da superare.
Anche per questo la FLC CGIL e Proteo Fare Sapere di Bari-Bat hanno organizzato un minicorso di formazione e orientamento per i docenti alle prese col periodo di prova in cui verranno trattati i temi più importanti per affrontare correttamente sia gli adempimenti relativi alla formazione/superamento del periodo di prova, sia quelli relativi al proprio corretto inquadramento professionale, retributivo, previdenziale.
Qui trovate il programma che prevede l'avvio il 9 dicembre con la relativa scheda di iscrizione scaricabile e compilabile. Le sedi degli incontri sono cinque per facilitare la partecipazione di tutti i docenti della provincia, ma nelle

venerdì 28 ottobre 2016

I problemi scaturiti dalla L. 107, le relazioni sindacali e il NO al referendum costituzionale. Incontri RSU/RSA

Si partirà dalle distorsioni introdotte dalla L. 107/15 che hanno le peggiori ricadute sulle relazioni sindacali di scuola e su tutta la comunità scolastica, negli incontri territoriali che si terranno con RSU/RSA e delegati sindacali a partire dal prossimo giovedì 3 novembre ad Altamura nell'area della Murgia. 4 incontri che serviranno a fare il punto non solo dei problemi sindacali, ma anche di quelli professionali (ad esempio la rinnovata pressione sulla formazione/aggiornamento in servizio) acuiti dalle norme attuative della L. 107. Nel programma degli incontri, inoltre, in tutti i pomeriggi si discuterà anche del referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre, delle motivazioni del NO della FLC CGIL e dell'impegno del sindacato nella campagna referendaria. Un momento, quello pomeridiano aperto anche a tutti gli interessati che vogliano saperne di più e vogliano confrontarsi con le nostre ragioni.
Il calendario degli incontri è scaricabile da questo link, mentre

lunedì 24 ottobre 2016

Ore aggiuntive a quelle di cattedra: martedì alle 17,30 incontro per l'avvio delle azioni legali

E' stata ancora una volta ribadita alcuni giorni fa la posizione dell'amministrazione scolastica di procedere all'assegnazione delle ore aggiuntive alle 18 di cattedra per i docenti di scuola secondaria di primo e secondo grado soltanto fino al 30/6 invece del 31/8.
Si tratta di una posizione assurda e penalizzante per i docenti che ricevono direttamente dall'USP (ma anche per quelli che scelgono volontariamente di accettare spezzoni residui) assegnazioni su cattedre di consistenza superiore alle 18 e che sono costretti durante il periodo estivo a far fronte a tutte le attività previste nei mesi di luglio e agosto, senza ricevere alcuna retribuzione. Esattamente questo è accaduto lo scorso anno scolastico, 2015/16, a tantissimi docenti della nostra provincia, come abbiamo denunciato negli scorsi mesi, impugnando gli atti della ragioneria e dell'USP di Bari e consigliando a tutti i docenti di inviare apposite lettere di diffida.
Per dare seguito a quell'impegno, martedì 25 alle ore 17,30, presso la sede della CGIL di Bari, terremo un incontro con il nostro ufficio legale

mercoledì 19 ottobre 2016

Assemblee sindacali unitarie nelle scuole della provincia di Bari

Si avvieranno nella giornata di lunedì 24 ottobre le assemblee sindacali unitarie indette da FLC CGIL, CISL, UIL e SNALS per le scuole della provincia di Bari. Nell'anno scolastico concitato che abbiamo alle spalle e in quello che caoticamente ha preso avvio nelle scorse settimane, sono tantissime le novità, per lo più regrerssive, che necessitano di un confronto continuo tra i lavoratori. All'ordine del giorno non solo le novità riguardanti il personale docente, ma anche la situazione problematica del personale ATA e le linee di rinnovo del prossimo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro.
Il programma delle assemblee, pubblicato anche sul sito dell'ambito territoriale di Bari e trasmesso agli istituti, subirà qualche piccola rettifica: spostata (rispetto a quello pubblicato sul sito dell'USP di Bari) al 10 novembre (era prevista per il 24 ottobre) l'assemblea di Acquaviva e sono stati modidicati gli indirizzi di svolgimento delle assemblee di Modugno (il 3° C.D., sede dell'assemblea, è in via Magna Grecia, 1) e di Bari Distretto 10 (non è disponibile la sede del Flacco) che si svolgerà presso il Liceo delle scienze umane "Bianchi Dottula".

lunedì 17 ottobre 2016

Gestione organico dell'autonomia: i sindacati provinciali inviano un documento unitario alle scuole

Al centro dei problemi di avvio di quest'anno scolastico c'è la gestione dell'organico dell'autonomia del personale docente. Nelle scuole della provincia di Bari abbiamo assistito e, ancora oggi, assistiamo alle soluzioni più estemporanee, adottate spesso persino fuori dalle maglie larghissime della L. 107/2015 e dalle successive circolari MIUR e USR Puglia.
Nonostante i continui interventi sindacali - di cui qui potete leggere un ultimo esempio - negli istituti della nostra provincia si continua ad assistere a fenomeni quali docenti titolari di scuola assegnati in istituti con altro codice meccanografico, docenti trasferiti in scuole con discipline afferenti alla propria classe di concorso completamente assenti, assegnazione di orari di servizio improbabili, se non illegittimi ecc.
In assenza di ogni chiarimento o presa di posizione da parte del MIUR, le Organizzazioni Sindacali della scuola della provincia di Bari, hanno trasmesso ai responsabili degli uffici e a tutti gli istituti ricadenti nell'USP di Bari un documento con cui chiariscono alcuni dei punti più controversi, invitando a rispettare